Masseria San Cataldo

RISTORANTE, PIZZERIA, SALA BANCHETTI

Folklore e tradizioni Folklore e tradizioni
Dove mangiare Dove mangiare

a 3 km circa da martina franca
nell'incantevole cornice della valle d'itria è situata la Masseria San Cataldo.
Costruita nella metà del XIX secolo; lavorata interamente in pietra martinese che la rende agli occhi del visitatore suggestiva.
Ideale per piccole cerimonie e ricevimenti con ampio spazio esterno circondato
dal verde dove poter inoltre assistere a spettacoli ed eventi musicali dal vivo.
Cucina tipica locale dove poter gustare il ricco antipasto della casa con salumi, formaggi e latticini caratteristici, e tante altre specialità;
i primi piatti caserecci, le carni di produzione propria cotte al fornello come la tradizione martinese vuole (tra cui "la cervellata martinese", le bombette e i gnummeredde)
la pizzeria con forno a legna dove poter assaporare il gusto della vera pizza italiana in un menu accuratamente selezionato dal pizziaiolo.
Alla Masseria San Cataldo inoltre vi è la possibilità di affittare stanze interamente arredate per godere della tranquillità che circonda la magnifica valle d'Itra e per vivere un esperienza di comfort e ralax piu totale.
A disposizione un ampio parcheggio per autobus e area camper attrezzata.

ogni ricorrenza...è la vostra ricorrenza...
...noi cerchiamo di renderla speciale..

Indirizzo

Martina Franca (Taranto)

Contrada San Cataldo, 21/m

Telefono

3661945883

clicca per ingrandire

matita Recensioni spontanee (4)

Masseria San Cataldo 3 su 5

no comment

Scritta mercoledì 15 maggio 2013 da alrusticone (2 recensioni)

Dobbiamo per forza contraddire gente così anche se non è nel nostro stile comunque partiamo dal dire : dopo cinque minuti arrivati i camerieri tutti professionisti che conosco da anni mi cominciano già a comunicare che i tavoli strapieni di bibite " e meno male che il signor Mario nooo non bevono molto" non davano neanche il tempo di servire le bevande che oltretutto si scaldavano per il caldo comunque abbiamo svuotato 2 frigoriferi in 15 minuti ' antipasto stabilito affettati e formaggi 1 primo piatto a testa " e abbiamo fatto 70 bis non dovuti" no problemi ' spiedino di arrosto misto a testa insalata patate forno frutta fresca dolcetti bevande a non finire caffè ' non anno lasciato neanche i piatti tanto che al cane abbiamo cucinato e mi viene a dire scarsa qualità? Ba se non era buono lasciavate tutto o sbaglio . Il tutto e qua viene il bello 19 euro a testa compreso di coperto e servizio che a detta dei camerieri il peggiore della loro storia di camerieri per la prepotenza nel chiedere le cose e alla fine ci anno tolto pure i soldi degli autisti non concordato siamo noi che gente così non ne vogliamo poiché ci fate lavorare ha vuoto con tutto quello che avete consumato e bevuto ma caro Mario la prossima volta mettiti meno soldi in tasca poiché la Gente che porti non sa quanto paghi!!!
Colori
3 su 5
Suoni
3 su 5
Servizio
3 su 5
Sapori
3 su 5
Il Conto
3 su 5
Globale 3 su 5
Mercoledì 15 maggio 2013, alrusticone scrive

A dimenticavo il pane che secondo lui era crudo ne anno consumato 45 chili una cosa mai vista in 10 anni di ristorazione!!!! E meno male altrimenti dovevamo aprire un panificio al momento.

Venerdì 17 maggio 2013, mariovita scrive

“Caro”Silvano di Alrusticone, “CARO” non come si intende di solito, ma inteso come costoso, molto costoso per quello che offre. Ci dispiace ma davvero tanto, lo diciamo noi 132 del Gruppo Anziani venuti da lei, purtroppo, l’11 maggio scorso, a doverla contraddire. Noi siamo tutti qui con un’unica voce a confermare tutto ciò che Mario Vita ha già detto: il pane IMMANGIABILE, non l’ha voluto neanche il cane (era crudo ed emanava un cattivo odore di lievito…lo credo che ha dovuto cucinare per i cani, non lo hanno voluto neanche loro…). I 70 bis di primi che dice di aver portato il “CARO…” Silvano, li ha ricavati sicuramente dai 100 primi che ha preparato, anziché i 132 che avevamo comunicato per telefono 4 giorni prima, visto che nel piatto c’erano 7 orecchiette CONTATE e FOTOGRAFATE (quello al paese nostro si chiama assaggino non primo). Per quanto riguarda il bere, è una grande falsità, non si poteva certamente pretendere di non bere acqua in una giornata così calda!!! Il “non bere…” detto da noi si riferiva ai liquori i quali nessuno si è permesso di chiedere. Per quanto riguarda invece l’allusione alla poca onestà di Mario, vogliamo precisare e sottolineare che farebbe meglio a stare zitto e attento il “CARO…” Silvano a ciò che dice poiché, oltre ad esserci state molte persone testimoni dei conti effettuati nel suo ristorante anzi mi correggo, pizzeria, poiché non si può chiamare ristorante il luogo dove ci ha ammassato a morire di caldo, abbiamo chiesto se si poteva aprire da qualche parte, ci è stato risposto che era impossibile. Abbiamo poi scoperto che le facciate di plastica si potevano sganciare ed arrotolare. Questa è stata cattiveria bella e buona nei nostri confronti. Precisiamo che oltre ad al fatto che la maggior parte siamo anziani, parecchi sono anche diversamente abili, ci hanno trattato e risposto alle nostre educate domande con cattiva educazione ed arroganza. Ma d’altra parte si fa subito il conto, se il Sig. Silvano vuole possiamo anche postare le fatture che ha fatto di suo pugno dalle quali si evince il costo a persona del pranzo, se così si può chiamare, che non è di 19 €uro come lui afferma bensì di 20 €uro come pattuito un mese fa e come si evince dal preventivo in nostro possesso. E, ripetiamo; nessuno si è messo nulla in tasca ma è stato fatto tutto nella massima trasparenza da parte del nostro Mario al punto tale che lo sottoscriviamo tutti e 132. Forse che Silvano invece vede imbrogli perché LUI è abituato a farli??? Al contrario il tentativo di far sembrare falsa la recensione espressa sul sito IL TACCO DI BACCO non fa altro che peggiorare ancora di più il giudizio perché prima pensavamo che l’arroganza del cameriere fosse circoscritta al singolo cameriere ma ora abbiamo capito che, come si dice a Taranto:”…da a cap afftesc u’ pesc…” PS.: nella pizzeria ci pioveva addosso e quando l’abbiamo detto al cameriere (arrogante), ci ha risposto”…e bè…” I 2 frigoriferi che dice il Sig.Silvano che abbiamo svuotato, dubitiamo fortemente che sia così. Comunque non si poteva certamente pensare che non avrammo avuto sete visto il caldo che faceva, e poi eravamo comunque 132 persone… Secondo il Sig. Silvano i frigoriferi sono stati svuotati in 15 minuti, ma se il pranzo (PRANZO…che parola grossa per definire quelle mini porzioni che abbiamo mangiato) è durato più di 15 minuti (dalle ore 13,00 alle ore 18,00 circa) ma è durato tanto perché c’erano solo 3 camerieri per 132 persone… Alla fine abbiamo mangiato tutto perché comunque avevamo fame e le porzioni erano minime ( per bambini), e poi alcuni del nostro gruppo hanno provato a dare al cane il pane che puzzava di lievito ma non lo hanno mangiato (neanche il cane…) ha fatto bene il Sig Silvano a cucinargli. A proposito della professionalità dei camerieri, 2 erano educati e più che validi ma 1 assolutamente la professionalità non sa cosa sia (abbiamo avuto il sospetto che fosse un parente perché era sicuro di sé in tutta la sua cattiva educazione ed arroganza in più era l’unico a non avere la divisa, chissà…? ). Ci viene il sospetto che Silvano si comporta così perché forse pensa “…tanto questi chi li vede più…!” Lui non lo sa che noi facciamo diverse gite all’anno e che spesso lì dove ci troviamo bene ritorniamo. Silvano non solo non ci vedrà più ma faremo anche di tutto per far sapere a tutti quanto ci siamo trovati male e quanto sia pessimo il servizio nel suo locale “Masseria San Cataldo” di Martina Franca in provincia di Taranto.

Domenica 19 maggio 2013, alrusticone scrive

Avete proprio ragione chissà perché molta gente presente ha fatto molti complimenti" non gli organizzatori sicuramente" le volevo solo dire che voi dite solo quello che conviene non ho nessun parente in sala e le posso assicurare che è l'unico gruppo il vostro a non essersi trovato bene da noi e continua a menzionare questo pane che ha parer tuo era crudo ma diciamo che può essere capitato 1 2 pezzi più crudi ma voi esagerate ma di brutto guadra che non è un giorno che facciamo ristorazione ma anni e ripeto a noi dispiace ma non penso che faceva tutto schifo altrimenti non facevate 70 bis e volevate pure laltra ma dai non ci posso credere,noi facciamo sempre il massimo per i nostri clienti e voi lo sapete , per quanto riguarda il costo indovina tu dove è andato a finire l'euro ciao e comunque grazie.

Domenica 19 maggio 2013, alrusticone scrive

Per quanto riguarda il locale lo avevate visto di persona prima di prenotare che era un gazebo e quella era la sala ho sbaglio, noi mica sappiamo se fa caldo quel giorno e non fateci passare per gente disonesta poiché non lo meritiamo ve lo assicuro ,magari voi avete sottovalutato la cosa poiché conoscete la gente che portate.


DELUSIONE TOTALE (Servizio scadente, arroganza al massimo)

Scritta mercoledì 15 maggio 2013 da mariovita (1 recensioni)

Tramite un'amica comune un mese fa assieme ad altri amici ci recammo nella sopra denominata masseria per concordare menù e costo, in procinto di organizzare una gita di anziani.
Stabilimmo il menù il costo e la data 11 Maggio 2013.
La prima cosa che raccomandai al tale Silvano, di riservare alle persone anziane cortesia e gentilezza. Lui assicurò che per il suo ristorante tali valori erano una regola.Abbiamo accennato il n° delle persone (media 100)con l'obbligo di comunicare due giorni prima il n° esatto delle presenze. Giorno 8 Maggio comunico che ne saremmo arrivati tra i 130/135, ne eravamo 132.
Arriviamo come concordato alle ore 13,15, una giornata infuocata le persone avevano sete ed incomincia a mancare l'acqua,le persone cercano di sedersi ma era difficile per la disposizione dei tavoli molto stretti. chiedo ai camerieri di allestire altri tavoli ed incominciano a borbottare.
Dopo la protesta finalmente tutti seduti, sui tavoli portano i cestini con una specie di pane ricavato dalle panelle delle pizze congelate (completamente crudo)altro reclamo solo verso la fine del pranzo è arrivato del pane accettabile. Le quantità delle pietanze è stata minima,la qualità lasciava a desiderare. Alla mia richiesta di mantenere fede all'accordo sancito rispondeva che sembravamo tutti muratori affamati.
Ha salvato la giornata la presenza e l'umanità del talento del Salento Beppe Junior, concordato con l'aggiunto del costo dell'artista.
Questo signore non solo, ha perso la mia fiducia ma da tutti i 132 presenti e dalla ditta Rabite Servizi Turistici che ci accompagnava.
Colori
3 su 5
Suoni
4 su 5
Servizio
1 su 5
Sapori
2 su 5
Il Conto
3 su 5
Globale 1 su 5

piacevole scoperta

Scritta sabato 27 aprile 2013 da diletto (17 recensioni)

Ho festeggiato il 25 aprile la comunione di mia figlia e devo dire che siamo rimasti io con tutti i miei amici e parenti davvero contentissimi dal pranzo molto abbondante e di ottima qualità consigliatissimo per banchetti e feste poiché anno una grande sala sia interna che esterna, un complimento anche a Tony il musicista che ci ha fatto divertire molto grazie ancora alla prossima.
Colori
3 su 5
Suoni
3 su 5
Servizio
5 su 5
Sapori
5 su 5
Il Conto
1 su 5
Globale 5 su 5

pagina 1 / 1

Se hai stampato queste pagine, ricordati di cestinarle nel raccoglitore della carta.
If you print these pages don't forget to trash them in a recycle bin.