il Tacco di Bacco
 
Oggi è sabato 23 marzo 2019!
freccia Pomarico



 

Potrebbero interessarti...

I Riti della Settimana Santa
Montescaglioso
dal 18 al 22 aprile 2019
I Riti della Settimana Santa

Falò per l'Annunziata
Montescaglioso
Lunedì 25 marzo 2019
Falò per l'Annunziata

Festa di CRISTO RE - PISTICCI - AMBROGIO SPARAGNA & Orchestra Popolare Italiana
Pisticci
Domenica 14 luglio 2019
Festa di CRISTO RE - PISTICCI - AMBROGIO SPARAGNA & Orchestra Popolare Italiana



 
 



Questa pagina fa parte del nostro archivio!
Per conoscere il calendario aggiornato, clicca qui.
Martedì 5 marzo 2019
Pomarico

Carnevale di Pomarico

ingresso libero ingresso libero
Folklore e tradizioni Folklore e tradizioni
La Canzone di Zeza, rappresentazione teatrale partenopea, fu rappresentata a Pomarico sino alla fine degli anni '70. La farsa si rappresentava nei cortili dei palazzi, nelle strade, nelle osterie, nelle piazze, senza palco, alla luce di torce a vento, ad opera di popolani, attori occasionali o compagnie di quartiere, che si facevano annunciare a suon di tamburo e di fischietto e tromboni. Fu proprio in questo periodo che attravrso i soldati di guarnigione, i mercanti e le piccole compagnie tratrali, che si avventurarono nei territori del vicereame, che la stessa approdò a Pomarico. La Canzone di Zeza rimase nelle province meridionali, mentre a Napoli già nel secondo Ottocento assunse i caratteri di uno spettacolo teatrale gestito da compagnie d'infimo ordine in baracconi improvvisati e fu accolta, esclusivamente nel periodo di Carnevale, nei teatri frequentati soprattutto dalla plebe, dove il pubblico notoriamente interloquiva con gli attori nel corso della rappresentazione "con sfrenatezze di gergo e di gesti". Questo divertimento cessò agli inizi del nostro secolo, fino ad allora però il testo della Zeza era imparato a memoria da tutti i ceti sociali di Napoli. La sua sparizione dalle strade e dalle piazze era stata determinata anche dai divieti ufficiali, infatti, intorno alla metà dell'Ottocento essa era stata proibita dalla polizia "per le mordaci allusioni e per i detti troppo licenziosi ed osceni". La Zeza rappresenta la storia delle nozze di Don Nicola, studente calabrese, e di Tolla (o Vicenzella), contrastate dal padre della donna, Pulcinella, che teme di essere disonorato ed inconsapevolmente geloso, sostenute da sua moglie, Zeza, che di ben altro avviso e vuole far divertire la figlia "Co mmilorde, signure o co l'abbate". Pulcinella sorprende gli innamorati e reagisce violentemente, ma punito e piegato da Don Nicola, alla fine si rassegna. Era il teatro del Carnevale che, in tal modo metteva a nudo, in una sorta di confessione pubblica, le vergogne della vita coniugale, aggiungendovi il gusto dell'aggressione sadica e dell'esibizione oscena, e, mentre le esorcizzava con l'immancabile lieto fine, invitava a prenderne realisticamente atto e integrare nel sistema culturale il disordine e l'irrazionale. Secondo la tradizione pomaricana a chiusura delle festività carnevalesche, il martedì grasso, si celebrava la morte di Carnevale (Carnevalone) attraverso il rogo del fantoccio simbolo della festività stessa. Nello stesso momento sua moglie Quaremm' (Quaresima) dava alla luce il futuro carnevale chiamato Carnevalicchi'. Completava l'evento la Pentolaccia, momento gastronomico capace di riunire l'intera popolazione al suon di canti popolari e balli tradizionali.

(fonte testo: http://www.prolocopomarico.com/edizioni--la-zeza-.html)

(fonte foto: http://www.prolocopomarico.com/-la-zeza-2018--.html)

Pomarico (Matera)
Centro storico
vari orari
ingresso libero

 

letto 119 volte

Segui

Tienimi aggiornato

il Tacco di Bacco ti invia una mail in prossimità di eventi o in caso di variazioni o annullamenti.
Se segui un profilo o una location, il Tacco di Bacco ti invierà una mail quando vengono pubblicati nuovi eventi.



Da non perdere

Gli spettacoli e i concerti da non perdere.

Arte e fotografia

Tutte le mostre in corso.

Amici della Musica 2018


Calendario



Se hai stampato queste pagine, ricordati di cestinarle nel raccoglitore della carta.
If you print these pages don't forget to trash them in a recycle bin.

Quando sfogli le pagine di questo sito, i cookie e altre tecnologie vengono utilizzate per migliorare la tua esperienza e personalizzare il contenuto e alcuni spazi pubblicitari che vedi.
Visita la nostra informativa sulla privacy (aggiornata al 25/05/2018) per saperne di più. Privacy Policy
Cliccando su accetta o continuando a navigare sul sito, accetti l'uso dei cookies e dei dati. Ulteriori informazioni Accetto i cookie da questo sito