il Tacco di Bacco
 
Oggi è mercoledì 22 novembre 2017!
freccia Salerno

Cosa cerchi?



 

Potrebbero interessarti...

Tecnica e Comunicazione di Stefano Borriello
Napoli
dal 20 febbraio 2016 al 2 marzo 2046
Tecnica e Comunicazione di Stefano Borriello

COSMOGONIE - Mario Coppola
Napoli
dal 14 ottobre al 22 dicembre 2017
COSMOGONIE - Mario Coppola

Out of Your Own
Napoli
dal 18 ottobre 2017 al 20 gennaio 2018
Out of Your Own



 
 



Questa pagina fa parte del nostro archivio!
Per conoscere il calendario aggiornato, clicca qui.
da giovedì 15 Dicembre 2016 a domenica 15 gennaio 2017 in mostra
Salerno

RestART upcycling

ingresso libero ingresso libero
Arte e fotografia Arte e fotografia
Da giovedì 15 dicembre 2016 fino a domenica 15 gennaio 2017 “RestART upcycling”, mostra di opere d’arte realizzate con materiali di riciclo, sarà visitabile presso le sale del Museo Diocesano “San Matteo” di Salerno.

Il progetto, che vede l’esposizione delle opere realizzate da 9 artisti di caratura nazionale ed internazionale, è prodotto dal Campania ECO Festival assieme alla Fondazione Carisal, la Fondazione Copernico e l’Arcidiocesi Salerno – Campagna – Acerno, e con il sostegno del Consorzio nazionale di recupero e riciclo imballaggi in acciaio RICREA e da Sabox.
Il progetto “RestART” nasce 5 anni fa come un format del Campania ECO Festival, che da sempre sostiene il concetto del upcycling e di eco sostenibilità. E’ in questo contesto in cui il progetto inizia a prendere vita ed a modo di svilupparsi, fino a trovare una nuova e prestigiosa sede all’interno del Museo Diocesano “San Matteo” di Salerno. Restart punta alla creatività degli artisti per dare nuova vita ai materiali. IL preesistente diviene punto di partenza e non di arrivo, dove gli oggetti alla fine del proprio ciclo di vita ritrovano essenza vitale, nuova funzione e carattere estetico, diventando leit motiv di tutta la produzione artistica. In RestART, l’upcycling si concretizza attraverso il riuso dell’acciaio, del legno, della plastica, del cartone, della carte e del vetro.

La mostra, che si dirama in 3 sale più il chiostro, prevede un percorso non obbligato frutto di un dialogo con gli artisti e dell’osservazione delle opere.
All’interno del chiostro la prima opera che si incontra è quella del modenese Carlo Baldessari, un autentico gioiello realizzato con materiale recuperato in fabbriche di vetro e poi rielaborato dall’artista come preziosi monili. Proseguendo, il gioco di luci si sviluppa attraverso l’installazione “Aqua Matrix”, risultato di un percorso di ricerca e sperimentazione audiovisiva sull’acqua, realizzata dall’associazione avellinese “Magnitudo”, creatrice del festival di musica elettronica “Flussi”.
Nella Sala dell’Arcivescovo, situata sempre al pianterreno, troveremo tre opere di grande impatto. Frontalmente, posta al centro della parete come una pala d’altare, troviamo l’opera collage del paganese, ma torinese d’adozione, Ermanno Cavaliere che presenta un’immagina di totale disambiguazione e nei volti dei personaggi un atteggiamento d’indifferenza. In terra è posto un grezzo e drammatico crocifisso realizzato dall’angrese Mnemos, al secolo Giovanni Cuccurullo, a simboleggiare la perdita della centralità e la morte di Dio come rappresentazione di ogni fede ed appartenenza o anche di semplice laicità. Continuando il percorso ci si imbatte nella testa reclinata verso il basso realizzata dall’avellinese Flavio Grasso a rappresentare una caduta che nemmeno la ragione ha potuto evitare.
La Sala di Santa Caterina, di fianco a quella dell’Arcivescovo, è subito caratterizzata dalla trinità umana del napoletano catalano Luigi Masecchia. Tre volti realizzati con i tappi a corona in acciaio: quello del D10s del calcio; quello di un uomo che per tutta la vita ha fatto della sua musica il vessillo della “working class”; quello di un intellettuale, poeta, scrittore, regista. Il veronese Roberto Bravi, invece, ci riporta nel mondo del ricordo attraverso l’apertura e la ricomposizione di vecchie scatole in latta usata nel secondo dopoguerra. Altre installazioni sono rappresentante dalle plastiche del salernitano Lello Ronca.
Nella Sala del Sapere, al primo piano del Museo, troviamo gli affreschi su cartone realizzati dalla salernitana Adele Ruggiero. Particolarmente interessanti le sentinelle di legno recuperato dai portoni e rimodellato dalle sapienti mani di Mnemos/Giovanni Cuccurullo. In opposizione alle sentinelle in legno, ci saranno le forme aliene e naturalistiche di Grasso. Come cornice della sala ci saranno i lavori in vetro di Carlo Baldessari.
Durante il periodo della mostra ci saranno anche diversi ed interessanti eventi. Ln allegato il programma completo degli eventi che si terranno dal 15 dicembre al 15 gennaio al Museo Diocesano di Salerno

da giovedì 15 Dicembre 2016 a domenica 15 gennaio 2017
Salerno (Salerno)
Museo Diocesano di San Matteo
ore 17:30
ingresso libero
Info. 339 62 66 567
(clicca per ingrandire)

 

letto 220 volte

Segui

Tienimi aggiornato

il Tacco di Bacco ti invia una mail in prossimità di eventi o in caso di variazioni o annullamenti.
Se segui un profilo o una location, il Tacco di Bacco ti invierà una mail quando vengono pubblicati nuovi eventi.



Da non perdere

Gli spettacoli e i concerti da non perdere.

Arte e fotografia

Tutte le mostre in corso.

Calendario



Se hai stampato queste pagine, ricordati di cestinarle nel raccoglitore della carta.
If you print these pages don't forget to trash them in a recycle bin.

il Tacco di Bacco prevede l‘utilizzo dei "Cookies", che non sono biscotti al cioccolato ma dei file inviati al vostro browser. Continuando a navigare si considera accettato il loro utilizzo. Ulteriori informazioni Accetto i cookie da questo sito