il Tacco di Bacco
 
Oggi è domenica 16 dicembre 2018!
freccia Lecce

Cosa cerchi?



 

Potrebbero interessarti...

Cenone di San Silvestro
Taranto
Lunedì 31 dicembre 2018
Cenone di San Silvestro

Capodanno 2019 @ Grand Hotel Baia D'argento / marina di Leporano TA
Leporano
Lunedì 31 dicembre 2018
Capodanno 2019 @ Grand Hotel Baia D'argento / marina di Leporano TA

Capodanno Praja Gallipoli 2019
Gallipoli
Lunedì 31 dicembre 2018
Capodanno Praja Gallipoli 2019



 
 



Questa pagina fa parte del nostro archivio!
Per conoscere il calendario aggiornato, clicca qui.
Domenica 15 settembre 2013
Km97 Lecce

Lassaddìcane

Vita notturna Vita notturna
Incontri culturali Incontri culturali
Teatro Teatro
Domenica 15 settembre, alle ore 21.30, al Km97 di Lecce, verrà presentato in anteprima lo spettacolo teatrale Lassaddìcane, scritto e interpretato da Stefania Semeraro, per la regia di Pierpaolo Buzza e con le musiche di Giuseppe Pezzulla.

Lassaddìcane (da ‘lassa dìcane’, che in dialetto salentino significa ‘lascia che dicano’), è un monito, un consiglio, una pacca sulla spalla, una carezza dolce e sicura.
Lassaddìcane è anche il nome del cane di Mimina Monteduro, casellante, figlia di casellanti, che ha trascorso quasi tutta la propria vita a ridosso di un binario, all’interno di un casello ferroviario. In questa dimensione i tempi del quotidiano e le abitudini sono costantemente scandite dall’ininterrotta frequenza del passaggio dei treni: accendi la luce, suona la campana, abbassa la sbarra, aspetta il treno, fallo passare, rialza la sbarra. Attendi il prossimo passaggio, e via daccapo.
Mimina vive da anni una vita fatta di solitudine e distacco dal mondo, intuito da lontano e quasi con paura. Mentre un occhio attento è sempre rivolto ai mezzi di trasporto e ai pochi passanti che devono attendere l’attraversamento della littorina e dei vagoni, l’altro, più sognante, è indirizzato ai finestrini del treno in transito, dai quali riesce ad intravedere numerosi volti di passaggio.
Mimina scorge ed immagina le vite degli altri, perché – dice – la propria non è riuscita a godersela come avrebbe voluto. E le racconta.
Sono storie dolci e amare, che parlano di vite vissute o appena intraviste, di fantasie solitarie e del tempo che passa.
Non sappiamo come avrebbero commentato queste storie i conoscenti di Mimina, se le avessero conosciute, se avessero potuto ascoltarle. Sappiamo però cosa avrebbe pensato lei: lassaddìcane.

Lo spettacolo prende forma fra le trame delle storie di Minima Monteduro, quarta di sette fratelli, figlia di genitori casellanti, vissuta in un casello ferroviario del Salento, a metà del secolo scorso, quando la macchina era un lusso per pochi e in treno ci si spostava tutti; un casello in cui Mimina ha vissuto la vita sua, quella degli altri, la solitudine delle partenze e gli abbracci di tanti arrivi.
Stefania Semeraro – nipote di Mimina Monteduro –, da bambina si è spesso lasciata cullare, prima del sonno, dai racconti della nonna, ascoltati a mo’ di fiabe della buonanotte. Non chiedeva ‘nonna raccontami cappuccetto rosso’ ma piuttosto ‘nonna raccontami la storia di Lassadìcane e quando sei andata a cercare la zia Gina’.
Stefania ha sempre avuto in mente di scrivere della nonna e dei suoi racconti, e l’ispirazione è riaffiorata più forte quando si è avvicinata al Km97, vecchio casello in disuso, ora casa della musica, delle arti libere, punto d’incontro di artisti pugliesi e centro culturale di riferimento. Stefania ha visto rifiorire un luogo abbandonato, e si è fatta più forte la voglia di raccontarlo per come un tempo ne aveva sentito parlare dalla nonna.
Grazie all’esperta guida ‘tecnica’ e regia di Pierpaolo Buzza (attore, regista, esperto di scrittura creativa), al tappeto musicale composto da Giuseppe Pezzulla, e all’aiuto di Gregori Dimitri ed Eleonora Loche, Lassaddìcane prende forma e sostanza, e viene presentato in anteprima proprio al Km97, luogo in cui è stato concepito ed affinato.
Affinché il testo inedito sia inoltre libero di circolare liberamente mantenendo il giusto grado di tutela sia per il regista sia per autore, il copione teatrale sarà distribuito con marchio SUM Edizioni, in linea con gli standard di protezione e libertà di diffusione garantiti dalle licenze Creative Commons.

STEFANIA SEMERARO
Stefania Semeraro si laurea in Scienze Politiche e delle Relazioni Internazionali presso l’Università del Salento, impegnandosi contestualmente nell'organizzazione di attività culturali e nel sindacato studentesco, scoprendo l'arte del racconto e della retorica. Nel 2009 si avvicina all'improvvisazione teatrale con la scuola Improvvisart di Lecce, facente parte del circuito nazionale Improteatro, portando a termine il triennio di formazione.
S’innamora perdutamente del palcoscenico ed entra a far parte del gruppo Amatori, partecipando inoltre a numerosi laboratori e stage tenuti da attori professionisti del panorama teatrale nazionale e internazionale.
Nel 2010 indossa per la prima volta un naso rosso e da allora il suo clown scorrazza nel reparto di pediatria e psichiatria dell'ospedale "Vito Fazzi" di Lecce.

PIERPAOLO BUZZA
Attore, regista e scrittore professionista, insegnante di tecniche della narrazione applicate alla scrittura e all’improvvisazione.
Diplomato alla Scuola Holden e all’Accademia Nazionale del Comico, consegue il triennio SNIT (Scuola Nazionale Improvvisazione Teatrale) nel 2010.
Dal 2006 porta in scena spettacoli con monologhi di satira, sketch e improvvisazioni in tutta Italia e all’estero (Madrid, Mondiali d’improvvisazione ispanofoni, Caracas 2012), recitando in italiano, spagnolo e inglese.

GIUSEPPE PEZZULLA
Cantante, musicista, autore, nel 2008 vince il premio della critica a Torre Suda con il brano ‘Illusione’. Nel 2005 da vita al progetto Baronetto Franco, con il quale ripercorre le esperienze del grande cantautorato italiano, costruendo giorno dopo giorno, concerto dopo concerto, una personalità che lo contraddistingua.
L’interpretazione e la ricercatezza sono gli ingredienti che fanno della band una delle formazioni più coinvolgenti e alternative del panorama salentino.


è gradita la prenotazione

per info e prenotazioni
tel: 3282645470
mail: info@sumproject.org
Web: www.km97.it

Lecce (Lecce)
Km97
Via della Ferrandina 5, Lecce
ore 21:30
ingresso riservato ai soci
Info. 3282645470
(clicca per ingrandire)

 

letto 692 volte

Segui

Tienimi aggiornato

il Tacco di Bacco ti invia una mail in prossimità di eventi o in caso di variazioni o annullamenti.
Se segui un profilo o una location, il Tacco di Bacco ti invierà una mail quando vengono pubblicati nuovi eventi.



Da non perdere

Gli spettacoli e i concerti da non perdere.

Arte e fotografia

Tutte le mostre in corso.

Amici della Musica 2018


Dove mangiare nella vicinanze

RISTORANTE, PIZZERIA, RICEVIMENTI
5 minuti
In macchina
AZIENDA AGRICOLA
5 minuti
In macchina

Calendario



Se hai stampato queste pagine, ricordati di cestinarle nel raccoglitore della carta.
If you print these pages don't forget to trash them in a recycle bin.

Quando sfogli le pagine di questo sito, i cookie e altre tecnologie vengono utilizzate per migliorare la tua esperienza e personalizzare il contenuto e alcuni spazi pubblicitari che vedi.
Visita la nostra informativa sulla privacy (aggiornata al 25/05/2018) per saperne di più. Privacy Policy
Cliccando su accetta o continuando a navigare sul sito, accetti l'uso dei cookies e dei dati. Ulteriori informazioni Accetto i cookie da questo sito