il Tacco di Bacco
 
Oggi è sabato 20 aprile 2019!
freccia Martina Franca

Cosa cerchi?



 

Potrebbero interessarti...

Pasquetta 2019 Villaggio Camping Santomaj - Marina di Leporano (TA)
Leporano
Lunedì 22 aprile 2019
Pasquetta 2019 Villaggio Camping Santomaj - Marina di Leporano (TA)

CELESTINE // Rassegna Admoveo
Putignano
Sabato 27 aprile 2019
CELESTINE // Rassegna Admoveo

“Pensare il contemporaneo”, terzo incontro con Paolo Borrometi
Lecce
Venerdì 17 maggio 2019
“Pensare il contemporaneo”, terzo incontro con Paolo Borrometi



 
 



Questa pagina fa parte del nostro archivio!
Per conoscere il calendario aggiornato, clicca qui.
Venerdì 22 marzo 2019
Martina Franca

Presentazione del libro “Il crollo della mente bicamerale e l'origine della coscienza” di J. Jaynes

ingresso libero ingresso libero
Incontri culturali Incontri culturali
Venerdì 22 marzo 2019 alle ore 18.00
presso l'Ass.ne Culturale Il PENSATOIO,
in Via Mazzini, 22 - Martina Franca (TA)
Presentazione del libro “Il crollo della mente bicamerale e l'origine della coscienza” di J. Jaynes


Che cos’è la coscienza? Questa, che per noi è l’esperienza più immediata e vicina, questo «teatro segreto fatto di monologhi senza parole e di consigli prevenienti, dimora invisibile di tutti gli umori, le meditazioni e i misteri», continua tuttora ad aleggiare, come oggetto inafferrabile, nella ricerca scientifica e filosofica. Julian Jaynes, psicologo sperimentale di formazione, accenna in questo libro una risposta davvero nuova all’antico quesito. E non vuole soltanto mostrarci che cosa la coscienza non è (attraverso una disamina devastante delle teorie correnti sul tema), ma che cosa essa è e come è nata, in un intreccio audacissimo fra neurofisiologia, teoria del linguaggio e storia.
Il punto di partenza è qui la divisione del cervello in due emisferi. Sappiamo che uno solo di tali emisferi (generalmente il sinistro) presiede al linguaggio e domina la vita cosciente. Qual è allora la funzione dell’altro emisfero, legato da molteplici nessi all’emozione? Chi abita, chi ha abitato quell’«emisfero muto», del quale oggi riconosciamo di sapere così poco? La tesi di Jaynes è che l’emisfero destro sia stato abitato dalle voci degli dèi e che la struttura della «mente bicamerale» spieghi la nostra irriducibile divisione in due entità: divisione che un tempo fu quella fra «l’individuo e il suo dio». La coscienza, quale oggi la intendiamo, sarebbe dunque una forma recente, faticosamente conquistata, che si distacca dal fondo arcaico della «mente bicamerale».
Con un’analisi serrata di testimonianze letterarie e archeologiche, soprattutto mesopotamiche, greche ed ebraiche, Jaynes disegna il profilo della «mente bicamerale» in quanto fonte dell’autorità e del culto, quale si è manifestata nella storia delle grandi civiltà. E, all’interno di essa, individua lo sviluppo di un’altra forma della mente, che prenderà il suo posto dopo un «crollo» dovuto a fattori interni ed esterni. Tale crollo separa per sempre il mondo arcaico da quello che diventerà il nostro. È questo il punto in cui Jaynes situa «l’avvento della coscienza» (intesa nel senso moderno), ultima fase di un lungo processo di «passaggio da una mente uditiva a una mente visiva». Ma la bicameralità della mente non per questo scompare: tutta la storia è traversata da una nostalgia verso un’altra mente, tutta la nostra vita psichica testimonia numerosi fenomeni, dalla possessione alla schizofrenia, che a quell’altra mente rinviano. Ciò che noi chiamiamo storia è «il lento ritrarsi della marea delle voci e delle presenze divine». Ma la nostra mente a quelle voci e presenze continua a riferirsi, anche se non sa più come nominarle e ascoltarle.
La dominanza dell’emisfero linguistico non riesce a cancellare l’altra metà del cervello. Così la coscienza continua a essere, come scrisse Shelley a proposito della creazione poetica, «un carbone quasi spento, che una qualche influenza invisibile, come un vento incostante, può avvivare dandogli un transitorio splendore», anche se «le parti coscienti della nostra natura non sono in grado di profetizzare né il suo approssimarsi né la sua partenza».
Il crollo della mente bicamerale e l’origine della coscienza apparve per la prima volta nel
1976.

Jaynes nacque a West Newton (Massachusetts) e frequentò l'Università di Harvard, frequentò la McGill University laureandosi e conseguendo il dottorato di ricerca presso l'Università Yale. Jaynes fu lettore presso la facoltà di psicologia dell'Università di Princeton dal 1966 al 1990, e sembra che fosse un insegnante molto apprezzato se fu invitato talvolta a tenere conferenze presso altre università.

Le teorie di Jaynes sulla coscienza si dimostrarono a dir poco molto controverse. La sua interpretazione di un Achille guidato da voci interiori era indubbiamente originale. Quando uscì l'Origine della coscienza, egli fu criticato aspramente per aver cercato di ingraziarsi il grande pubblico senza avere prima sottoposto l'opera ad un attento esame da parte dei colleghi. Tuttavia come opera scientifica divulgativa ebbe un certo successo, tanto da venire candidata al National Book Award nel 1978.

Venite a trovarci, vi aspettiamo … (gradita la puntualità)
venerdì dalle ore 18.00 alle 20.30 in Via Mazzini, 22 Martina Franca (TA) - nei pressi della chiesa di San Vito

Cosa facciamo:
• Letture filosofiche
• Incontri di meditazione
• Eventi e passeggiate culturali, escursioni naturalistiche
• Percorsi di Studio

Web: www.facebook.com/groups/107...

Martina Franca (Taranto)
Via Mazzini, 22 - Martina Franca (centro storico)
Dalle ore 18.00 alle 20.30
ingresso libero

 

letto 119 volte

Segui

Tienimi aggiornato

il Tacco di Bacco ti invia una mail in prossimità di eventi o in caso di variazioni o annullamenti.
Se segui un profilo o una location, il Tacco di Bacco ti invierà una mail quando vengono pubblicati nuovi eventi.



Da non perdere

Gli spettacoli e i concerti da non perdere.

Arte e fotografia

Tutte le mostre in corso.

Amici della Musica 2018


Calendario



Se hai stampato queste pagine, ricordati di cestinarle nel raccoglitore della carta.
If you print these pages don't forget to trash them in a recycle bin.

Quando sfogli le pagine di questo sito, i cookie e altre tecnologie vengono utilizzate per migliorare la tua esperienza e personalizzare il contenuto e alcuni spazi pubblicitari che vedi.
Visita la nostra informativa sulla privacy (aggiornata al 25/05/2018) per saperne di più. Privacy Policy
Cliccando su accetta o continuando a navigare sul sito, accetti l'uso dei cookies e dei dati. Ulteriori informazioni Accetto i cookie da questo sito