il Tacco di Bacco
 
Oggi è venerdì 17 gennaio 2020!

Museo Civico "Pietro Cavoti" - Palazzo della Cultura

MUSEO

Musei, gallerie d'arte e luoghi interessanti Musei, gallerie d'arte e luoghi interessanti

Il "Museo Comunale" di Galatina ha origini piuttosto recenti.

Nasce, infatti, con l'intitolazione a Pietro Cavoti il 15 gennaio 1936. Ma prima di giungere a tale data è bene ripercorrere le tappe che hanno portato all'apertura del suddetto.

Dopo la morte del Cavoti (1890) grande studioso di storia, letteratura, archeologia, arte e particolarmente interessato allo studio della Basilica di S. Caterina d'Alessandria al quale dedicò gran parte della sua vita, il desiderio di offrirgli un pubblico riconoscimento e il timore di vedere dispersa la sua immensa collezione, fecero nascere nella mente di Cosimo De Giorgi, grande amico del Cavoti, l'idea di istituire un Museo civico a Galatina.

Quando parlava di Museo, il De Giorgi, intendeva una struttura che contenesse non solo oggetti d'arte, ma anche una Scuola dove gli allievi potevano perfezionarsi tecnicamente, quindi un Museo-Scuola come quello fondato da Gaetano Filangeri a Napoli nel 1878: "Museo di Arte e Mestieri".

Tuttavia mentre la Scuola-Tecnica "Pietro Cavoti" venne fondata nei primi anni del '900 (1905-1907), il Museo civico sarà istituito con l'intitolazione a Pietro Cavoti il 15 gennaio 1936 dietro deliberazione podestarile di Domenico Galluccio.

La delibera di denominazione del Museo di Galatina come "Museo Pietro Cavoti" è la diretta conseguenza di un'altra deliberazione che, nell'ordine la precede immediatamente.

Con quest'ultimo atto, infatti, si procedeva ad accettare i lasciti a favore del Comune di Galatina dell'avvocato Raffaele Torricelli, (nipote del Cavoti) di Avetrana, il quale con testamento pubblico del 1931, donava alla Biblioteca Comunale di Galatina tutti i suoi libri e al Museo tutte le illustrazioni della Chiesa di Santa Caterina fatte da Pietro Cavoti ed ancora stampe, documenti, incisioni, dipinti, ecc. sempre del Cavoti. Il lavoro di allestimento, avviato dall'Amministrazione Comunale nel 1997 e portato a termine nel novembre del 1999, è stato eseguito in coincidenza con i lavori di restauro e forniture previsti nel "Progetto integrato Fruizione dei Beni Culturali - Museo Pietro Cavoti" degli Ing.ri Mario Rossetti e Massimo Romano, finanziamento P. O. P. 1994-99, Direzione dei lavori dell' Ufficio Tecnico Comunale e degli stessi progettisti. L'allestimento museale è stato eseguito da Maria Prato a seguito dell' accettazione delle sua gratuita disponibilità da parte dell' Amministrazione Comunale di Galatina. I lavori si sono svolti con la collaborazione, il controllo degli addetti e responsabili del Museo, nonché con l'ausilio dei soci della cooperativa Millenium.

Disponendo il patrimonio secondo un percorso storico-artistico che consente di illustrare la storia di Galatina, a partire dal nostro secolo e indietro nel tempo fino alle più antiche testimonianze archeologiche ritrovate nel nostro territorio, si è voluto rispettare l'originaria identità del Museo di storia civica, che, attraverso le opere d'arte e le testimonianze storiche, racconta la storia di Galatina.

Indirizzo

Galatina (Lecce)

Piazza Alighieri, 51

GPS 40,17552 N 18,16884 E

Telefono

0836561568

clicca per ingrandire
Scrivi una recensione


Eventi Eventi in programma (1)


Da visitare nelle vicinanze

GALLERIA D'ARTE
7 minuti
A piedi

Dove mangiare nella vicinanze

WINE BAR
2 minuti
A piedi
TRATTORIA - RISTORANTE
3 minuti
A piedi
PUB PIZZERIA
4 minuti
A piedi
PIZZERIA
5 minuti
A piedi

Dove dormire nella vicinanze

HOTEL 4 STELLE - DIMORA STORICA VESCOVILE DEL 1500
5 minuti
A piedi

Se hai stampato queste pagine, ricordati di cestinarle nel raccoglitore della carta.
If you print these pages don't forget to trash them in a recycle bin.

Quando sfogli le pagine di questo sito, i cookie e altre tecnologie vengono utilizzate per migliorare la tua esperienza e personalizzare il contenuto e alcuni spazi pubblicitari che vedi.
Visita la nostra informativa sulla privacy (aggiornata al 25/05/2018) per saperne di più. Privacy Policy
Cliccando su accetta o continuando a navigare sul sito, accetti l'uso dei cookies e dei dati. Ulteriori informazioni Accetto i cookie da questo sito