il Tacco di Bacco
Oggi è mercoledì 20 giugno 2018!

Un ultimo arrivedorci a Elio e le Storie Tese

Un ultimo arrivedorci a Elio e le Storie Tese
Non hanno voluto nemmeno attendere di arrivare alla cifra tonda. Trentotto anni, dal 1980 al 2018, è l’età a cui ci hanno lasciati quei ragazzoni di Elio e le Storie Tese, coloro che la mia generazione ha conosciuto ai tempi delle scuole elementari grazie all’esordio al Festival di Sanremo con l’iconica “Terra dei cachi” nel lontano 1996, vincitrice ufficiosa del Festival di Sanremo. Gli Elii ci hanno accompagnato per tutta l’adolescenza con brani del calibro di “Tapparella”, “Supergiovane”, “Born to Be Abramo”, “Il vitello dai piedi balsa” e soprattutto la rappresentativissima “Servi della gleba”.

Tutti brani che abbiamo avuto l’onore di ascoltare per l’ultima volta dal vivo nella tappa barese del tour d’addio tenutasi lo scorso 19 maggio al Palaflorio, iniziata come un vero e proprio funerale con cordoglio del buon trasformista Mangoni e proseguita come una festa tra amici di vecchia data. Elio è salito sul palco insieme a vecchi e nuovi compagni di viaggio con una camicia, un pollo di gomma e una parrucca afro, regalandoci ore di sano divertimento e strepitosi virtuosismi dei membri del gruppo come Cesareo, Faso e soprattutto Mangoni (quest’ultimo, per inciso, ha retto il palco come nemmeno Iggy Pop è riuscito a fare un anno fa), ma anche le new entry Vittorio “Carmelo” Cosma (la sua meravigliosa autoironia che ha conquistato inaspettatamente, a detta dello stesso Elio, gli spettatori) e la strepitosa voce di Paola Folli, che ha retto il confronto con Giorgia, protagonista di alcuni featuring riproposti sul palco.

Sfoggiando anche pezzi più recenti come “Luigi il pugilista” (reso celebre sul web grazie al video animato dal fumettista Sio) e “Il circo discutibile” (eredità dell’ormai solitario Rocco Tanica che vanta del featuring con Federico Fellini) la band ha avuto anche modo di omaggiare il compianto Feiez, rappresentato sul palco dallo stemma cittadino di Crema, la sua città natale.

Ospite dell’ultimissima canzone — l’encore chiesto a gran voce dal pubblico con “FORZA PANINO!” — è stato nientemeno che il piccolo Fabio Rovazzi, rimasto seduto al centro del palco come spettatore d’eccezione. Il pubblico è rimasto assai soddisfatto dall’ultima performance, un po’ con l’amaro in bocca al pensiero dello scioglimento del gruppo, ma alcune parole espresse da Elio hanno riacceso la speranza in alcuni: “Siamo sempre stati i più bravi con i falsi finali”, recitato in seguito all’inopportuno applauso nel bel mezzo de “La canzone mononota”.

Non possiamo che augurarci che si tratti dell’ennesimo scherzo di Stefano, ma nel frattempo ci prepariamo con estremo entusiasmo al debutto da solista di Mangoni, che sfiderà Young Signorino come erede di Elio e le Storie Tese nel suo maestoso concerto a Campovolo 2021. Forse.

Foto e recensione di Francesco Bellomo e Alessandro Semeraro

SCRITTO DA SnowVilliers il 04/06/2018

(letto 336 volte)

Se hai stampato queste pagine, ricordati di cestinarle nel raccoglitore della carta.
If you print these pages don't forget to trash them in a recycle bin.

Quando sfogli le pagine di questo sito, i cookie e altre tecnologie vengono utilizzate per migliorare la tua esperienza e personalizzare il contenuto e alcuni spazi pubblicitari che vedi.
Visita la nostra informativa sulla privacy (aggiornata al 25/05/2018) per saperne di più. Privacy Policy
Cliccando su accetta o continuando a navigare sul sito, accetti l'uso dei cookies e dei dati. Ulteriori informazioni Accetto i cookie da questo sito